iterum

perchè non mi stancherò mai di ripeterlo…
ho smesso di lavorare presto oggi.. anche perchè.. sono due giorni che inizio alle sei e un quarto la mattina anzichè alle sette (il che spiega senza che io racconti).. – invece di andare subito alla macchina, mi sono voluta fermare in negozio.. prendere delle cose per la sis – esco dall’ascensore e mi ti trovo lui.. il compagno di una lei che lavora con me.. “ciao monia, come stai? lei come sta.. e.. tu come stai?”.. – io non lo conosco.. ci siamo solo presentati due mesi fa.. a sensazioni una persona buona.. (ha quasi sessant’anni.. per mettere subito in chiaro ed evitare che si dipinga uno scenario sbagliato).. –  caro universo.. me lo hai mandato tu stasera lì.. io lo so.. lui per me.. io per lui.. – avevamo entrambi bisogno di uno sfogo.. mezz’ora a parlare appoggiati ad un comò nell’esposizione delle camere da letto.. mentre clienti passavano.. e venditori mi salutavano.. situazione quasi surreale.. – sono andata a casa più serena.. anche se ho ancora mal di schiena (psicosommatizzo io..) ..mentre lui.. non credo lui stia bene.. anzi lo so.. ma siamo tutti padroni delle nostre vite.. so che avrà tanto a cui pensare lui.. dal tronde credo lo stia facendo da tantissimo tempo.. perchè non si può morire lentamente.. per amore.
nb: i casi non esistono.

chi nasce tondo non può morir quadrato

“fregatene mo’.. hai vinto tu” le parole di mia sorella.. si perchè le mie colleghe (e questo già lo sapevo fin da prima) ora rosicano.. e non si smentiscono mai.. fino alla fine.. – sappiate, la gelosia e l’invidia sono una brutta bestia.. bruttissima.. e ricordate.. distruggono chi le nutre.. e non chi le subisce – si, per me non è un bel lavorare così (che poi, in questi due anni mica lo è mai stato.. dovendo prendere di petto quelli che sono gli intrighi tra donne.. le malelingue.. i veleni sputati per infangare) – ma sto crescendo.. e come canta giusy “sono cresciuta più negli ultimi mesi che negli ultimi anni”.. e non è mai un caso se la vita ci mette davanti a situazioni sgradevoli.. prove.. a volte si ripetono anche.. dopo anni.. fino a che tu, non avrai imparato ad affrontarle in un modo che ti porti avanti.. – proprio ieri sera dicevo ad un amico “sai lo, non sono ancora abbastanza zen da riuscire a farmele rimbalzare.. ma sto diventando sempre più brava.. il ‘disturbo’ che mi creano dura sempre meno”.. già che ora lo chiamo disturbo (per non perdermi in spiegazioni lunghe.. lunghissime.. su come la negatività di altri possa influenzare.. danneggiare.. il nostro quieto essere).. – gesù alla croce disse “padre, perdona loro, perchè non sanno ciò che fanno”.. ed io negli anni ho imparato a perdonare.. tante cose.. anche questa.. non voglio male a nessuno e ne tanto mi voglio sedere in riva al fiume per un giorno vedere passare i loro cadaveri.. – io vado avanti per la mia strada.. ho me a cui pensare.. me e ciò che mi sta a cuore.. perchè questa è la priorità.. – karma.. you get what you give.. and it will come around.. always.. – ora sorrido.. sono le quattro e quarantadue.. si, ancora non dormo tantissimo (nemmeno abbastanza).. ma va meglio.. è una bella storia la vita.. davvero.. – buongiorno in questo di venere mondobello…

about midnight calls

menomale che non capitano tutti i giorni.. – chiudere gli occhi alle due e mezza di notte.. per riaprirli alle sei del mattino.. – sono scombussolata.. ed ho veramente bisogno di riposare.. il corpo.. la mente.. parcontre.. tra le tante cose dette e ascoltate questa notte.. c’è questa frase.. “non stancarti mai di non capire, perchè finchè non capisci.. vivi..” – c’è tutto li dentro.. tutto…

mood domenicale

delle diciotto e nonimporta.. (qualcuno ha visto il weekend?.. giuro che mi è passato accanto e io nemmeno me ne sono accorta)… – non mi pare di aver fatto tante cose.. già mi sembra passata un eternità da ieri.. da quando ventiquattr’ore fa giravo per la città.. che la mattina avevo tagliato i capelli… non lo so.. anche oggi.. che giornata così.. chiamarla strana sarebbe farle un torto.. perchè infondo sono stata bene.. (anche se ti ho messo due zollette nel caffè anzichè una..).. sarà che sono distratta io.. oggi.. da un pò.. forse questo mese.. bho.. credo vada tutto troppo veloce.. solo così mi spiego una memoria ballerina.. la sensazione di non viverle appieno le situazioni.. – sono seduta quì ora… tante candele accese.. einaudi che mi suona una mattina in versione piano.. si sente la tastiera.. la sua.. la mia.. – ma com’è questo dicembre? tanti alberi addobbati.. vin brulé per strada e mercatini accesi.. eppure.. a me non pare le persone lo stiano veramente sentendo questo natale.. sembra più di assistere al copione di un film.. – forse perchè mancano due settimane?.. e forse arriveremo alla vigilia tutti stanchi morti (io giusto in tempo per sedermi a tavola.. ((caro universo.. fai si che io resti sul peso attuale.. chiederti di perderne mi pare eccessivo.. mi accontento della prima.. te lo chiedo fin da ora.. nel caso me ne dimenticassi)).. )  .. dicevo.. tutti esausti.. con tutto da finire e tutti da vedere entro la fine dell’anno.. come se non ci fosse un domani.. io invece so per certo che un domani c’è.. sempre.. ed il mio.. me lo auguro un pò più lento questa volta.. voglio poter memorizzare i suoni.. gli odori.. i tatti.. le visioni.. le emozioni.. memorizzare tutto.. sopire.. (il bigliettino a gesù bambino lo scriverò più avanti.. fiduciosa che mi sarà dato ciò di cui ho bisogno.. il master plan.. potessi a volte sapere un attimino prima.. arriverei preparata.. almeno su alcune cose..)… – vabbè.. sospiro.. da quando ho iniziato a scrivere ne è passato.. distratta anche su questo – si perchè hai mai visto una fiamma di candella che balla a mo’ di suono? la mia lo ha fatto.. più volte.. sorrido…

il mese degli angeli

c’è che è arrivato novembre.. in punta di piedi.. e se non fosse che abbiamo cambiato l’orario.. magari.. non ce ne saremmo nemmeno accorti.. – novembre.. che a guidare di sera devi stare con quaranta occhi.. si stanno spostando i ricci.. sta arrivando il periodo del letargo.. tutto rallenta.. il ciclo normale delle cose.. anche il metabolismo.. il mio.. che pare voglia solo dormire piuttosto che essere attivo.. magari bruciare qualche grasso in eccesso (visto che mancano meno di due mesi a natale.. mi sa che è high time per iniziare a rinunciare agli zuccheri.. che i meno tre di agosto e settembre.. dal deficit sono tornati in positivo..) ..sono giorni così.. e non saprei nemmeno definirli.. mi volano via i weekend.. le settimane.. mi giro e mi ritrovo ad essere saltata da un mese all’altro.. come gulliver.. – stavo giusto pensando a quando mi piaceva pensare che novembre è un bel mese.. sempre stato.. sempre successe belle cose.. mi piacerebbe fosse così anche quest’anno.. ecco si.. mi piacerebbe fosse così.. e nel frattempo prendo vitamine e sali minerali.. diamo una mano a questo metabolismo dormiglione..

bozze


sabato mattina avevo scritto un post.. era rimasto su questa pagina per un pò.. poi la sera lo spostato nelle bozze.. era un pò che volevo scriverlo.. ma poi.. forse non è il momento.. non ancora…

prima ho rispolverato le mie tele.. ogni tanto andrebbe fatto (erano finite nel dimenticatoio.. povere stelle.. così importanti).. ed ho riletto questa.. che sento mia.. tanto.. era luglio del duemilaedue.. parole importanti.. su uno sfondo capitato li un pò per caso.. gli sfondi non sono mai stati il mio forte…

IMG_20160620_211448

il tempo va

passanano le ore..e finalmente faremo l’amore… o una roba del genere… che è la prima canzone che mi è venuta in mente relativa al tempo… quello che passo sveglia anzichè dormendo (sono le quattro e quaranta e io sveglia da un ora)…. è un periodo bello… particolare… tante emozioni.. un pò come aprire l’armadio.. indossare dei capi che hai da tanto… sapendo come vestono e risentirli tuoi sulla pelle… – ho trovato anche vestiti nuovi… che erano finiti nel dimenticatoio.. tempo di provare cose nuove… – benvenuto giugno..