iterum

perchè non mi stancherò mai di ripeterlo…
ho smesso di lavorare presto oggi.. anche perchè.. sono due giorni che inizio alle sei e un quarto la mattina anzichè alle sette (il che spiega senza che io racconti).. – invece di andare subito alla macchina, mi sono voluta fermare in negozio.. prendere delle cose per la sis – esco dall’ascensore e mi ti trovo lui.. il compagno di una lei che lavora con me.. “ciao monia, come stai? lei come sta.. e.. tu come stai?”.. – io non lo conosco.. ci siamo solo presentati due mesi fa.. a sensazioni una persona buona.. (ha quasi sessant’anni.. per mettere subito in chiaro ed evitare che si dipinga uno scenario sbagliato).. –  caro universo.. me lo hai mandato tu stasera lì.. io lo so.. lui per me.. io per lui.. – avevamo entrambi bisogno di uno sfogo.. mezz’ora a parlare appoggiati ad un comò nell’esposizione delle camere da letto.. mentre clienti passavano.. e venditori mi salutavano.. situazione quasi surreale.. – sono andata a casa più serena.. anche se ho ancora mal di schiena (psicosommatizzo io..) ..mentre lui.. non credo lui stia bene.. anzi lo so.. ma siamo tutti padroni delle nostre vite.. so che avrà tanto a cui pensare lui.. dal tronde credo lo stia facendo da tantissimo tempo.. perchè non si può morire lentamente.. per amore.
nb: i casi non esistono.

agosto

è da un mese tutto che non aggiorno… e non è che me ne sono resa conto stamane… – sai quante volte ho pensato “ora mi siedo e scrivo…” solo che poi…

primo agosto.. festa nazionale quì… fuori c’è afa.. io allora resto dentro.. (ho appena messo in frigo una bottiglia di caffè… fa estate.. anche quando tu non parti).. – di là c’è una pila di scatoloni che mi aspetta.. – no, non trasloco.. ho finalmente preso di petto il proggetto “quella camera va cambiata”… il guaio è che è la camera dove ho dentro tutto.. quel tutto che per inscatolarlo ti fa perdere ore.. giornate.. (foto, lettere, diari, dichiarazioni dei redditi e parentele).. si perchè non è che prendi e inscatoli.. no, già che ti trovi smisti.. butti via.. amo quel senso di leggerezza.. – vorrei finire oggi.. poi c’è da sbarazzarsi di quel mobile.. riverniciare.. comprare quell’armadio che sta in stanby.. e risistemare.. – vorrei poter pensare che avrò finito entro settembre.. (che i weekend sono quelli che sono.. e di solito anche quelli.. a impegni non scherzano)…

per il resto (chiamasi lavoro nuovo) torno un altra volta.. – che già mi sembra un mini miracolo esser tornata ora… – si, mi sono mancata un pò anche io…

ps. c’è che d’un tratto sento una voglia matta d’innamorarmi..  (tanta voglia di scriverne ora.. ma se inizio.. restano lì gli scatoloni.. e io poi vado in tilt)

tra amiche – single

“sai, nel weekend sono andata un pò in crisi” (lei).. “tizia ora ha un compagno.. e io mi chiedo cosa è che non va bene con me”.. sapevo cosa sarebbe arrivato in seguito.. – siamo rimaste li due ore.. davanti a due caffè latte tiepidi.. scordati tra le tante parole.. (che con i diciotto gradi di oggi ci stavano anche).. – è che le single, a secondo dei giorni, sembrano in via d’estinzione.. e quando vieni a sapere che una tua amica ora ha un nuovo tipo, è allora che ti senti davvero una spece protetta. eppure, le statistiche dicono il contrario.. bho, non saprei.. – “ora mi sono iscritta anche io a quel sito.. quella app insomma, ma non so come funziona” – e lo chiede proprio a me.. io non ho la più pallida idea.. quando ho usato io quelle applicazioni (parlasi di nove anni fa) era tutto molto più semplice.. non costava un occhio e non c’era il novantanove per cento di uomini che cercano solo il divertimento, fisico, per capirci. (si perchè se non paghi, o non vedi le foto, oppure vedi le foto ma non c’è lo scambio scritto.. hai capito come funziona? e non parlo di tinder.. che secondo me è squallido.. ma anche lì.. ad ogni uno le proprie preferenze ed esperienze).. – fatto sta, che ho un amica in crisi.. e a niente serve dirle che non è sbagliata lei.. che viviamo in un paese sovrapopolato di donne.. che viviamo in una zona con poca selvaggina e puntino puntino puntino.. – ora sono seduta quì e scrivo.. invece di studiarmi i cataloghi che mi ero portata a casa dal lavoro.. – si, perchè ora questa cosa da da pensare anche a me.. (non sono immune all’argomento, ma per lo più, lo vivo bene.. anzi, ci convivo bene).. però.. sta anche di fatto che non molto tempo fa ho scritto un post lunghissimo e per questo ora non mi voglio ripetere.. – ho appena mandato un messaggino al tipo dannatamente bello ed intelligente.. ovviamente non mi risponderà.. per ora.. magari domani.. è così lui.. (ma perchè io vado ad imbattermi sempre in persone particolari.. complesse.. non voglio dire complicate.. ma non facili ((già, che se fosse facile mica ci starei a pensare)).. – vabbè niente.. scrivo a zig zag.. magari meglio che mi legga i cataloghi.. magari vorrei mi rispondesse (magari vorrei potesse leggermi il pensiero.. e non me ne vergognerei ecco).. ma poi mi chiedo cosa cavolo gli passi per la testa..(evidentemente niente che riguarda me) – no ma davvero.. da cento a zero.. quattro mesi fa era un cercarsi e piccole attenzioni reciproche.. poi.. niente poi. giuro che a me queste cose fanno andare in tilt.. non capirle ecco. poi uno ti dice (e me lo dico anche io, davvero) che nella vita non bisogna voler comprendere tutto sempre ed assolutamente.. bisogna imparare ad accettare le cose per quelle che sono.. move on insomma. si ok, ma per poter andare avanti, uno non dovrebbe prima, almeno, capire perchè sta andando avanti? mi sembro patetica.. eppure è lecito no? ok, leggo i cataloghi va.

nero su bianco

ci pensavo strada facendo.. uno dei tanti ragionamenti tra me e me.. condizionata.. forse.. da una mini poesia scritta da charles bukowski che riporto quì “sembri una tutta equilibrata ma in realtà sei emotivamente disturbata. e poi, hai questi enormi occhi.. e la cosa certe volte, mi stravolge.” – pensavo agli uomini.. non in generale come humanum.. ma come maschi.. – perchè spesso mi risuonano in testa le parole di un mio caro amico “sei bella, intelligente e divertente, non capisco perchè tu non abbia un uomo” – ecco, a volte me lo chiedo anche io.. le spiegazioni che do a seguire spesso sono ripetitive e anche noiose.. ma sono un dato di fatto. non sono una che esce dal giovedì alla domenica pur di farsi vedere.. di essere scoperta (queste cose le facevo un bel pò di anni fa).. e quando esco, credetemi, in giro si trova ben poco di interessante (e non lo dico per screditare, nono) – è che l’età media la sera nei locali è di venticinque anni.. e se poi ti ritrovi quelli che possono essere, età parlando, a pari livelli.. bhe.. sorvoliamo. perchè è così.. l’uomo con la u maiuscola non lo si trova in giro per locali.. non quando fai parte degli anta.. – allora dove? in palestra? al supermercato? in libreria? dove?.. dicono che il destino sia pronto li a mettertelo sotto al naso quando sarà il tempo.. e tu meno te lo aspetti.. io ci voglio anche credere e non ho fretta.. – ma il discorso che inizialmente volevo fare non è sul fatto che non si trovino dei re in giro.. perchè le cose vanno dette.. espresse.. e allora eccomi ad urlare al mondo.. dal profondo dell’anima (e lungi da me peccare di superiorità o ipocrisia.. ma sono semplicemente sincera, poi, fate voi)..

io non cerco ne sto aspettando un possibile cavaliere.. ne tantomeno me ne sto addormentata con la speranza che venga a baciarmi un principe.. ma (come dissi ad un amico tempo fa) ho un età e le mie esperienze.. e sinceramente non mi va di prendere il primo che passa.. ne tantomeno di accontentarmi (la peggior cosa che si possa fare se parliamo di sentimenti.. a mio parere eh).. io voglio un uomo che sia tale.. che mi faccia sentire donna a pari livelli.. che mi parli ad altezza di occhi.. che non stia li a guardare prima tette e culo e poi magari valuta.. voglio un uomo intelligente.. uno che mi faccia ridere.. faccia crescere.. faccia scoprire.. voglio un compagno che sia forte perchè anche se lo sono di mio, non ho voglia di fare da mamma o infermiera in una relazione.. ammetto le debolezze certo, le ho anche io (ed i momenti di squilibrio.. ma non sono perenni).. voglio un uomo complice.. partner in crime.. voglio il dialogo.. voglio le follie.. voglio poter sognare.. io so chi sono e so da dove vengo.. so di avere una personalità forte e so (si, oggi lo so) che ad alcuni esemplari del sesso opposto (che quelli non li chiamo uomini) faccio paura.. – si gentili signori, io non sono una del si ed amen. io dico anche no e so dire basta.. sono complessa e non complicata.. sono intelligente e colta.. e se questo, caro sesso opposto, ti fa paura perchè ti fa sentire meno uomo.. allora non faccio per te.. – io voglio essere una sfida.. voglio essere corteggiata.. voglio essere una conquista.. voglio un uomo che abbia le palle di volermi scoprire.. il coraggio di mettersi in gioco.. di mettersi a nudo. voglio un cacciatore (l’uomo maschio è nato cacciatore.. vuole catturare la sua preda).. un cacciatore che poi, va fiero della sua preda.. (e non parlo degli stronzi che vanno a caccia di trofei, che sia chiaro).. voglio poter ‘crescere e scoprire insieme’ – insomma, per farla breve.. sarà mai possibile che io viva nel paese sbagliato? (perchè basta andare un pò più a sud per testimoniare quanto ho scritto sopra).. quell’uomo che io voglio esiste, lo so per certo.. non ho fretta ne tantomeno me ne preoccupo.. ma giuro.. incontrarlo sarebbe una botta di vita.. una in più. e nel frattempo? vivo.. vivo bene.. perchè ho imparato a bastarmi.. ho imparato che si può far benissimo anche da single (che chi sa perchè, siamo in numero crescente).. prendo a braccia aperte quanto la vita mi offre.. e magari, mondobello.. per distrazione o per volontà.. farai smarrire dalle mie parti un vero uomo.. che.. guarda caso (sorrido) stava cercando prorio me.

i cavalieri non si sono ancora estinti tutti

“hai aspettato che mi segga prima io per sederti?”  “si” – non mi era mai capitato.. altre galanterie si (aprire lo sportello della macchina.. aprirmi la porta di un locale.. che poi dicono che non bisogna far entrare prima la donna.. il vero galantuomo entra prima.. in vista di un possibile pericolo all’interno).. ma non mi era ancora capitato il tipo che al ristorante aspetta che mi sia seduta io, prima di sedersi lui, stessa cosa quando mi alzavo.. “guarda che puoi anche sederti contemporaneamente” gli avevo poi detto..
ho rivisto lui del ‘c’eravamo tanto..’ – che dire.. dovendo azzardare una prima analisi.. a mente lucida (che ieri tra uno sprizz ed un finocchietto a fine serata.. mica connettevo tanto.. lo reggo poco l’alcol io..) – non fa per me.. – tu mi puoi dire che sei uno tranquillo.. che sei di pancia e ti muovi d’istinto.. ma io ti vedo calcolatotre.. studi l’avversario e cerchi di essere un passo avanti.. ecco come ti vedo io.. e glie l’ho anche detto.. serenamente.. “è l’impressione che io ho di te.. e non sto dicendo che tu sei così.. ma è così che tu mi arrivi”.. ovviamente non gli è piaciuto.. dice che faccio in fretta a mettere la fascia all’erba.. a categorizzare.. credo ci sia rimasto male.. – avrò sbagliato a dirlo? bhe, dipende dai punti di vista.. il mio è quello sincero.. non sono quì per venerare le persone.. ma nemmeno per fargli calare quell’autostima che magari negl’anni si sono costruiti.. semplicemente sono sincera.. (comunque gli ho anche detto che quello che a me stimola negli uomini è l’intelligenza.. “mi piacciono gli uomini intelligenti.. che sanno parlare bene.. colti e divertenti”.. e lui lo è.. questa è un affermazione).. vabbè.. long story short.. che tra un attimo mi cambio per andare in palestra.. non credo ci sarà un bis.. perchè ora non rientro nella categoria delle fan… – è sempre così.. la sincerità paga solo con chi la sa accettare.. – buona domenica mondobello.. quì c’è già il sole e gli uccellini cantano d’amore…

chi nasce tondo non può morir quadrato

“fregatene mo’.. hai vinto tu” le parole di mia sorella.. si perchè le mie colleghe (e questo già lo sapevo fin da prima) ora rosicano.. e non si smentiscono mai.. fino alla fine.. – sappiate, la gelosia e l’invidia sono una brutta bestia.. bruttissima.. e ricordate.. distruggono chi le nutre.. e non chi le subisce – si, per me non è un bel lavorare così (che poi, in questi due anni mica lo è mai stato.. dovendo prendere di petto quelli che sono gli intrighi tra donne.. le malelingue.. i veleni sputati per infangare) – ma sto crescendo.. e come canta giusy “sono cresciuta più negli ultimi mesi che negli ultimi anni”.. e non è mai un caso se la vita ci mette davanti a situazioni sgradevoli.. prove.. a volte si ripetono anche.. dopo anni.. fino a che tu, non avrai imparato ad affrontarle in un modo che ti porti avanti.. – proprio ieri sera dicevo ad un amico “sai lo, non sono ancora abbastanza zen da riuscire a farmele rimbalzare.. ma sto diventando sempre più brava.. il ‘disturbo’ che mi creano dura sempre meno”.. già che ora lo chiamo disturbo (per non perdermi in spiegazioni lunghe.. lunghissime.. su come la negatività di altri possa influenzare.. danneggiare.. il nostro quieto essere).. – gesù alla croce disse “padre, perdona loro, perchè non sanno ciò che fanno”.. ed io negli anni ho imparato a perdonare.. tante cose.. anche questa.. non voglio male a nessuno e ne tanto mi voglio sedere in riva al fiume per un giorno vedere passare i loro cadaveri.. – io vado avanti per la mia strada.. ho me a cui pensare.. me e ciò che mi sta a cuore.. perchè questa è la priorità.. – karma.. you get what you give.. and it will come around.. always.. – ora sorrido.. sono le quattro e quarantadue.. si, ancora non dormo tantissimo (nemmeno abbastanza).. ma va meglio.. è una bella storia la vita.. davvero.. – buongiorno in questo di venere mondobello…